• Nuovo
100% secure payments

Libro: Capoeira Afinada

32,92 €
Quantità
Disponibile

Bárbara Kristensen e Gian C. R. Santos (CM Latino) ci propongono una ricerca approfondita per comprendere i diversi modi di accordare la "bateria" della Capoeira.

Il libro "Capoeira Afinada" cerca di comprendere l'accordatura musicale della capoeira attraverso la storia, ascoltando berimbaus, canti, maestri e mestras, comprendendo le diverse formazioni di tamburi. Diversi aspetti vengono elaborati in ciascuno dei suoi tre capitoli. Nella prima sono state effettuate analisi delle accordature utilizzate in alcune delle registrazioni degli antichi maestri (Mestre Cabecinha, Mestre Juvenal, Mestre Bimba, Mestre Traíra, Mestre Camafeu de Oxóssi, Mestre Waldemar, Mestre Pastinha, Mestre Caiçara, Mestre Gato) , cercando di capire il rapporto tra berimbaus e tra berimbaus e le canzoni dei maestri.
Nel secondo capitolo, gli autori hanno raccolto testimonianze di 14 maestri e maestri attuali, riconosciuti per la loro musicalità, per imparare come organizzano la loro batteria, come intonano il loro berimbaus, l'importanza di questo processo e cos'altro volevano riferire sulla loro musica . Sono: Mestre Acordeon (USA), Mestre Brasília (SP), Mestre Cabello (BA), Mestre Careca (SC), Mestre Elma (SC), Mestre Esquilo (MG), Mestre Gato Góes (BA), Mestre Pelé da Bomba (BA), Mestre Pop (SC), Mestre Negoativo (MG), Mestre Nenel (BA), Mestre Nô (BA), Mestre Toni Vargas (RJ) e Mestra Tisza (BA). Nell'ultimo capitolo, il libro offre suggerimenti pratici in modo che i capoeiristi possano ottenere diverse accordature del berimbaus (dai dischi dei maestri e dei mestras), oltre ad altri suggerimenti di musicalità, come l'accordatura del canto, tra gli altri. Per rendere tutto più semplice, questi suggerimenti sono mostrati e spiegati, anche, in 11 video lezioni i cui link sono accessibili tramite QRCode presenti nel libro.

Pagine: 181
Formato: A5 (14 x 21 cm)
bianco e nero

Il seme di questo libro è stato piantato nel novembre 2019, quando abbiamo partecipato ad “Alumiô”, un evento organizzato da Mestre Negoativo presso il Centro Culturale Lamparina, a Belo Horizonte. Lì abbiamo incontrato Fábio Lima, Leão Pequeno, di Rio de Janeiro, che, oltre ad essere un capoeirista, è musicista e produttore. Nella nostra conversazione, abbiamo parlato della musicalità della capoeira e vi abbiamo raccontato cosa abbiamo sviluppato qui nella nostra casa - lo Spazio Culturale Ecos de Santo Amaro, che si trova a Navegantes, Santa Catarina -, un lavoro incentrato sulle (ri) scoperte e pratiche musicali di questa arte. Leão ha apprezzato quello che ha sentito e ci ha fatto una domanda che non avevamo mai fatto prima: "Perché non scrivi un libro su quello che stai facendo?"
Dopo aver riflettuto a lungo, abbiamo deciso che l'idea era buona e abbiamo iniziato a pensare a come strutturare questo libro. In questo processo, era inevitabile ricordare che c'erano innumerevoli critiche che abbiamo ricevuto da alcuni capoeiristi che ci dicevano che, quando eravamo interessati alla messa a punto, stavamo inventando qualcosa che non esisteva o non doveva esistere in capoeira. Queste critiche, che rispettiamo sempre, ma che cerchiamo di contrastare, non avevano senso per noi perché quasi tutto quello che cerchiamo di fare nelle lezioni, nei circoli e nella nostra esperienza con la musicalità della capoeira proveniva da conversazioni e osservazione degli atteggiamenti dei vari maestri e maestri che hanno incrociato il nostro cammino. Decidemmo, quindi, che una parte del libro spiegasse le strategie che stavamo usando per sviluppare la nostra musicalità, che finì per essere nell'ultimo capitolo. In esso, mostriamo come trattare l'accordatura degli strumenti, la voce, il coro, oltre a mostrare come, a volte, usiamo altri strumenti per aumentare la musicalità nelle nostre pratiche (e mostreremo che questo sta accadendo in capoeira per molto tempo). Per facilitare questa comprensione, ci sono undici video che spiegano un po 'meglio come funziona nella pratica.
Pensiamo anche che sia importante approfondire uno studio ancora timido che stavamo facendo, analizzando vecchie registrazioni, cercando, appunto, di svelare musicalmente cosa hanno fatto questi maestri, anche per dimostrare che la preoccupazione che abbiamo per l'accordatura non è qualcosa di nuovo, sul al contrario, è qualcosa che sin dalle prime registrazioni era presente. Da quel momento in poi, quello che era uno studio timido è diventato il nostro obiettivo in modo che anche il libro potesse contare su queste informazioni e comporre il primo capitolo del libro. In esso, facciamo un'analisi di quindici canzoni di nove vecchi maestri (a partire dalla registrazione delle registrazioni di Lorenzo Dow Turner del 1940), cercando di capire come è stata fatta l'accordatura del berimbaus e delle voci e come queste note “si combinano "L'uno con l'altro musicalmente.
Quasi contemporaneamente, ci siamo anche resi conto che, inizialmente, quando siamo andati più a fondo nella musicalità della capoeira, non lo abbiamo fatto basandoci sui maestri che ci hanno già lasciato, ma, principalmente, i maestri e le mestre che sono ancora con noi, con cui abbiamo imparato ad ogni incontro o ad ogni occasione che abbiamo avuto per vederli e ascoltarli. Pertanto, abbiamo deciso che dovevamo anche registrare che anche i maestri e gli insegnanti contemporanei avevano una preoccupazione per la musicalità e, per questo, abbiamo parlato con loro e con loro per confermare se ciò che abbiamo osservato era davvero reale e come questo processo è avvenuto con ciascuno una di quelle persone, cosa che facciamo nel secondo capitolo. In esso portiamo le testimonianze di quattordici maestri e maestri con i quali costruiamo una sorta di rapporto e la cui musicalità è sempre servita da ispirazione e apprendimento, cercando, principalmente, di salvaguardare questa conoscenza.
Finalmente avevamo pronta la struttura del libro: un capitolo in cui avremmo analizzato le vecchie registrazioni, un capitolo in cui avremmo esposto come alcuni maestri e insegnanti (soprattutto quelli con cui abbiamo avuto un rapporto più stretto in qualche modo) sperimentano la musicalità , cercando anche di salvaguardare la conoscenza di coloro che sono per noi riferimenti e, infine, un capitolo in cui registreremo ciò che stiamo facendo. Ed è esattamente così che viene presentato questo libro.
Vogliamo ribadire però che non stiamo teorizzando la musicalità della capoeira, ma cercando di capire, tradurre e trascrivere ciò che ha fatto chi ci ha preceduto, proprio per dimostrare che non è necessario alcun tipo di conoscenza formale per preoccuparsi. se con l'accordatura, considerando che questi maestri e maestri già lo hanno fatto e lo fanno, con eccellenza, essenza e ascendenza.

Gian Latino è un capomastro di capoeira e maestro della cultura popolare nella città di Navegantes. È uno dei coordinatori della Espaço Cultural Ecos de Santo Amaro e uno degli organizzatori del tradizionale circolo di capoeira dell'Igreja Matriz de Itajaí, che esiste e resiste dal 1990. Latino è un giocatore di capoeira. Tiene seminari sulla musicalità e lavora in diverse presentazioni culturali a Santa Catarina e in Brasile. Ha partecipato a eventi internazionali ed è stato un musicista di strada a Dublino, in Irlanda. Cantante e compositore, molte delle sue canzoni sono suonate in diversi circoli di capoeira. Per i latini, tra la comprensione e l'esecuzione del gioco, il canto, la storia e tutto ciò che comprende la capoeira sono, prima di tutto, armonia e tempo.

Bárbara è un educatore, specialista in Metodologia dell'insegnamento della musica, capoeirista, cantante, compositore, arrangiatore e musicista. Fa parte del collettivo musicale Mulher Arte e Bando Chico Estrada ed è stato un artista di strada a Dublino, in Irlanda, durante la sua esperienza in quel paese. Appassionata di culture popolari, partecipa attivamente a presentazioni, festival e studi incentrati sulla musica e le sue varie manifestazioni. In sostanza, crede che la conoscenza sia un diritto di tutti e trasformativa, motivo per cui si dedica all'educazione e, tra gli altri, insegna seminari sulla musicalità in capoeira. È una delle coordinatrici dell'Espaço Cultural Ecos de Santo Amaro, una casa-spazio dove lascia germogliare le gemme della sua arte, ancora in fase di scoperta.

BOOK-CAPAFINAD
chat Commenti (0)

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

Potrebbe anche piacerti